L’UE e lo sport

12 Giugno 2019 | Posted in Notizie

L’UE e lo sport

Anche lo sport è un settore di responsabilità dell’UE. Le basi di questo nuovo tipo di politica vennero gettate dalla Commissione con il Libro bianco sullo sport del 2007, prima “iniziativa globale”. In esso vi erano previsti vari obiettivi tra cui il rafforzamento del ruolo sociale dello sport, la promozione della salute pubblica attraverso l’attività fisica, il rilancio delle attività di volontariato, lotta contro doping, la corruzione, ecc. 

I tre grandi settori che l’UE ricopre comprendono: il ruolo sociale dello sport; la sua dimensione economica; il quadro politico e giuridico del settore dello sport.

 I Risultati

  1. Evoluzione delle politiche

Grazie all’iniziativa del Libro bianco e il piano d’azione di Pierre de Coubertin nel 2007, l’Unione si è posta degli obiettivi che a piccoli passi nel corso degli anni verranno a realizzarsi. Il concetto di “dimensione europea dello sport”, richiamato nella comunicazione intitolata «Sviluppare la dimensione europea dello sport» della Commissione Europea del Gennaio 2011, evidenzia le potenzialità che lo sport possiede nello sviluppo dei vari obiettivi della strategia Europa 2020. Il piano di lavoro del 2014-2017 venne ampliato, per quanto riguarda quello del 2017-2020, facendo particolare attenzione alla tutela dei minori, alla lotta contro le partite truccate, il doping, la corruzione, l’innovazione dello sport ne mercato digitale e per finire all’inclusione sociale, la sanità, l’ambiente, ed altri.

  1. Programmi d’azione

Erasmus+ contribuisce allo sviluppo dello sport: l’1,8% del bilancio annuale infatti è dedicato alle attività connesse ad esso, con lo scopo di sostenere patti tra diversi enti che collaborano tra loro e eventi sportivi europei senza scopo di lucro.

Il Parlamento europeo ha proposto, nel 2012, l’istituzione della settimana europea dello sport che è volta a incoraggiare i cittadini europei a praticare un’attività fisica, infatti è emerso che il 59% degli europei non ha mai praticato o ha praticato raramente un’attività fisica o sportiva. 

Un’altra priorità dell’UE è inclusione sociale che comporta una priorità nel ruolo dello sport: la Commissione europea agevola lo scambio di pratiche riguardanti l’integrazione dei migranti, attraverso finanziamenti volti a cancellare il divario che è presente nella società di oggi. Un ruolo chiave è quello del calcio in materia di inclusione sociale che, con organi come l’UEFA, aiuta a creare una “mappatura” delle attività a sostegno dell’inclusione sociale dei rifugiati.

Il Parlamento ha affrontato questioni come la parità di genere nello sport, l’integrazione nel mercato del lavoro e l’inclusione sociale dei rifugiati. Inoltre è attivo nella lotta alle partite truccate e alla corruzione nello sport. L’importanza dello sport nel settore del turismo venne riconosciuto dal Parlamento europeo come una opportunità per richiamare turisti da regioni periferiche grazie a numerosi eventi sportivi.

Articolo scelto ed elaborato da Matteo Tognella, in Alternanza Scuola-Lavoro presso Europe Direct Verona, in occasione del Giro d’Italia 2019

#Europee2019 – tutto quello che c’è da sapere

25 Maggio 2019 | Posted in Notizie

Le Elezioni

Il 26 maggio 2019 i cittadini saranno chiamati ad esercitare il proprio diritto di voto per eleggere i deputati che comporranno il Parlamento europeo per i prossimi 5 anni e che potranno rappresentare i loro interessi in Europa. 

I deputati saranno eletti secondo i sistemi elettorali nazionali, che devono, però, osservare alcune disposizioni comuni stabilite dal diritto dell’UE come la rappresentanza proporzionale. L’Italia, a cui spettano 73 seggi in Parlamento, costituisce un collegio unico ripartito in cinque circoscrizioni e Verona e il Veneto fanno parte della Circoscrizione II dell’Italia Nord-Orientale, insieme a Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna.

Secondo i dati gentilmente forniteci dall’Osservatorio Elettorale del Consiglio Regionale del Veneto, nelle ultime elezioni europee, nel 2014, ha votato il 65,4% degli elettori della provincia nostrana – circa l’8% in meno rispetto al 2009 – i quali hanno dato le loro preferenze a Partito Democratico (34,9%), Lega Nord (19,6%) e Movimento 5 Stelle (19,1%).

l voto di lista si esprime tracciando sulla scheda un segno X sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta. È possibile esprimere da uno a tre voti di preferenza per candidati compresi nella lista votata, ma deve essere rispettata la parità di genere.

Il Parlamento Europeo

Il Parlamento Europeo, eletto a suffragio universale, è la voce dei cittadini dell’Unione.

  1. Ruolo: organo legislativo dell’UE eletto a suffragio universale con competenze di vigilanza e di bilancio
  2. Membri: 751 deputati (membri del Parlamento europeo) – il numero per ogni paese è approssimativamente proporzionale alla popolazione di ciascuno di essi.
  3. Presidente: Antonio Tajani 

COMPITI DEL PARLAMENTO EUROPEO

LEGISLAZIONE

Il Parlamento Europeo condivide con il Consiglio dell’Unione europea (composto dai ministri degli Stati Membri), il potere legislativo dell’Unione europea, cioè è responsabile dell’approvazione di regolamenti, direttive e altri atti legislativi. A differenza dei parlamenti nazionali, però, non ha l’iniziativa legislativa, che spetta alla Commissione Europea.

SUPERVISIONE 

Il Parlamento Europeo volge un controllo democratico su tutte le istituzioni dell’UE ed elegge formalmente il presidente della Commissione e approva quest’ultima in quanto Organo.

Il Parlamento, inoltre, esamina le petizioni dei cittadini e avvia indagini e discute la politica monetaria con la Banca centrale europea.

BILANCIO

Il Parlamento Europeo approva il bilancio annuale dell’Unione, proposto dalla Commissione. Anche questo potere è condiviso con il consiglio dell’Unione, ma il parlamento ha l’ultima parola ed è responsabile del controllo sulla sua messa in atto. 

#FondiUE per il settore ricettivo turistico

8 Aprile 2019 | Posted in Finanziamenti indiretti, Notizie

POR FESR 2014-2020.

Bando per l’erogazione di contributi per investimenti innovativi nel settore ricettivo turistico alle piccole e medie imprese di pianura.

Read more →

L’UE e il 2019

30 Gennaio 2019 | Posted in Notizie

Una panoramica sul 2019

Il 2019 sarà un anno importantissimo per l’Unione Europa. Il ventesimo anniversario della moneta unica, infatti cade in concomitanza con una serie di cambiamenti che toccheranno da vicino le istituzioni: in primo luogo, a Maggio si terranno le elezioni del Parlamento Europeo, le prime senza la Gran Bretagna, e a queste seguirà la selezione per una nuova Commissione Europea e per il nuovo presidente della Banca Centrale Europea, in quanto il 2019 vede anche la fine degli incarichi di Juncker, per la Commissione, e Mario Draghi, per la BCE.

Read more →

#FondiUE per le produzioni cinematografiche in Veneto

7 Gennaio 2019 | Posted in Finanziamenti indiretti, Imprese, Notizie

 

Il POR-FEASR (Piano Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2014-2020 prevede lo stanziamento di  1 milione e 500 mila euro a sostegno degli investimenti per produzioni audiovisive in Veneto.

Read more →

I negoziati per la Brexit

4 Dicembre 2018 | Posted in Notizie

I negoziati per la Brexit

Cos’è successo e cosa c’è di nuovo?

Il 23 giugno 2016 i cittadini del Regno Unito hanno votato per lasciare l’Unione Europea e il 29 Marzo 2017 il Regno Unito ha notificato formalmente al Consiglio, la propria intenzione di lasciare l’Unione Europea ex art. 50 del Trattato di Lisbona. Read more →

Volontariato in California nella raccolta fondi e organizzazione eventi con Human Rights Watch

31 Agosto 2018 | Posted in Giovani, Notizie

Dove: San Francisco, California

Destinatari: studenti universitari

Quando: da 22 agosto al 5 dicembre 2018

Descrizione dell’ente

Human Rights Watch, organizzazione non governativa, no profit impegnata nella difesa dei diritti umani è alla ricerca di Studenti o laureati in Giornalismo, in Affari Internazionali, Cinema o ambiti affini, nonché giovani impegnati ed interessati alla tutela dei diritti umani.

Più nel dettaglio, l’organizzazione offre la possibilità di fare domanda per una esperienza formativa,una all’interno del dipartimento raccolta fondi e organizzazione eventi della sede di San Francisco

Descrizione dell’offerta

Lo stage formativo si focalizza sulla raccolta di fondi al livello sociale, all’interno dell’ organizzazione internazionale senza scopo di lucro. Durante il percorso formativo, il tirocinante acquisirà conoscenza delle questioni relative ai diritti umani dell’organizzazione e svilupperà competenze in materia di raccolta fondi, pianificazione degli eventi e monitoraggio delle informazioni.

Lo stage ha una durata complessiva di 10/15 ore a settimana, con possibili, ma occasionali,  turni notturni

Attività previste

  • organizzazioni di eventi per raccolta fondi
  • aggiornamento del database
  • gestione della posta elettronica e scrittura di lettere
  • mantenimento relazioni con i donatori

Requisiti

  • studenti iscritti all’università e laureati
  • buone competenze informatiche (MS Office)
  • costituiscono titolo preferenziale esperienza pregressa  nel fundraising e nell’organizzazione di eventi 

 

Articolo scelto ed elaborato da Matteo Tognella, in Alternanza Scuola-Lavoro presso Europe Direct Verona

Opportunità di mobilità per i giovani

30 Agosto 2018 | Posted in Giovani, Notizie

 

 

Ecco alcune opportunità di lavoro e stage europee ed extraeuropee.

Read more →

Caso Diciotti: una barca in attesa di attraccare

27 Agosto 2018 | Posted in Notizie

Cade nel vuoto l’ultimatum lanciato da Roma a Bruxelles. La Commissione europea venerdì ha reagito alle minacce del vice primo ministro Di Maio, che paventa di tagliare il contributo dell’Italia al budget europeo se gli stati membri non accoglieranno i 148 migranti a bordo della nave Diciotti, ferma nel porto di Catania.

“In Europa le minacce sono inutili, non portano da nessuna parte. -ha affermato un portavoce dell’esecutivo europeo- L’unico modo per risolvere il problema in Europa è lavorare insieme in modo costruttivo e con buona volontà. Non si tratta di una disputa tra la Commissione europea e qualcun’altro: sono gli Stati membri che devono trovare una soluzione e ovviamente la Commissione come sempre è lì per aiutare “.

L’incontro di venerdì era pero’ solo uno dei molti in vista del summit di ottobre, dove i leader europei dovranno discutere, tra l’altro, della riforma del sistema comune di asilo.

Ma quanto riceve l’Italia dall’UE? Stando ai dati della Commissione europea, nel 2017 le sono stati versati 10 miliardi di euro, 12 nel 2016 e 20 nel 2015. A questi soldi si devono aggiungere pero’ quelli relativi ad altri fondi specifici come i fondi strutturali e di investimento e quelli dedicati alla gestione dell’immigrazione.

Articolo scelto ed elaborato da Matteo Tognella, in Alternanza Scuola-Lavoro presso Europe Direct Verona

Avramopoulos: “Non smetteremo di aiutare l’Italia nella gestione dei migranti”

24 Agosto 2018 | Posted in Notizie

Serviranno per le cure sanitarie di base. Avramopoulos: “La Commissione non intende cessare di sostenere l’impegno italiano per gestire la migrazione”

Bruxelles – “Negli ultimi anni l’Italia è stata sottoposta a una particolare pressione e la Commissione non intende cessare di sostenere l’impegno italiano per gestire la migrazione”. Queste sono le parole di Dimitris Avramopoulos, commissario per l’Immigrazione e gli affari interni. All’Italia verranno dati nuovi aiuti, nove milioni di euro, per migliorare l’assistenza sanitaria nelle strutture di accoglienzaSi stima che di questo contributo potranno beneficiare oltre 42mila persone in cinque regioni italiane (Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Toscana e Sicilia)dando un’attenzione particolare ai bisogni delle persone vulnerabili, incluse donne e bambini.

Con questo nuovo pacchetto di aiuti salgono a oltre 200 milioni le risorse mobilitate dalla Commissione per l’Italia, che si aggiungono ai 653,7 milioni di euro assegnati sempre all’Italia nell’ambito del Fondo asilo, migrazione e integrazione (Amif) e il programma nazionale del Fondo di sicurezza interna (Fsi) 2014-2020.

 

Articolo scelto ed elaborato da Matteo Tognella, in Alternanza Scuola-Lavoro presso Europe Direct Verona