#PORFESR BANDI E FINANZIAMENTI

22 Ottobre 2020 | Posted in Finanziamenti indiretti, Imprese, Notizie, Opportunità

BANDO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI INNOVATIVI IN AMBITO DIGITALE NEL SETTORE RICETTIVO TURISTICO PER FAVORIRE LA RIPRESA DELLA DOMANDA TURISTICA DOPO L’EMERGENZA COVID-19

POR FESR 2014-2020  – Asse 3
Promozione e sostegno investimenti innovativi in ambito digitale  nel sistema ricettivo turistico che favoriscano l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa in modo da consentirne la rigenerazione e il riposizionamento.

Link al bando 

Per informazioni
Telefono: 041279.2641 – 2644 
Fax:  0412792601
Mail: turismo@regione.veneto.it
PEC: turismo@pec.regione.veneto.it

Chi sono i beneficiari
Micro, piccole e medie imprese (PMI) regolarmente iscritte nel registro delle imprese o al R.E.A che gestiscono e/o sono proprietarie di strutture ricettive attive, definite ai sensi degli articoli 25, 26, 27 e 27 ter della L.R. n. 11/2013. la cui sede operativa sia ubicata in comuni aderenti a OGD
Dotazione finanziaria
3.000.000 euro.

TERMINI:

Prenotazione del contributo 03 novembre 2020 ore 17.00

Presentazione della domanda 23 dicembre 2020 ore 17.00

BANDO PER L’ATTIVAZIONE, SVILUPPO, CONSOLIDAMENTO DI AGGREGAZIONI DI PMI PER INTERVENTI SUI MERCATI NAZIONALI E INTERNAZIONALI CHE FAVORISCANO LA RIPRESA DELLA DOMANDA TURISTICA VERSO DESTINAZIONI E PRODOTTI TURISTICI DELLA REGIONE IN COERENZA CON L’IMMAGINE COORDINATA DELLA REGIONE VENETO «VENETO, THE LAND OF VENICE»

POR FESR 2014-2020  – Asse 3
Bando per l’attivazione, sviluppo, consolidamento di aggregazioni di PMI per interventi sui mercati nazionali e internazionali che favoriscano la ripresa della domanda turistica verso destinazioni e prodotti turistici della Regione in coerenza con l’immagine coordinata della Regione del Veneto “Veneto The Land of Venice” DGR n. 1392 del 16/09/2020

Link al bando 

Per informazioni
Telefono: 041279.2641 – 2644 
Fax:  0412792601
Mail: turismo@regione.veneto.it
PEC: turismo@pec.regione.veneto.it

Chi sono i beneficiari
Aggregazioni di imprese (Reti di imprese, Associazioni temporanee di impresa – ATI, Associazioni temporanee di scopo – ATS, Consorzi) i cui componenti abbiano sede operativa – almeno per un terzo – nei Comuni di cui al seguente indirizzo web: http://www.regione.veneto.it/web/turismo/contributi-finanziamenti, ossia in Comuni la cui adesione ad Organizzazioni di Gestione della Destinazione (OGD) previste dall’art. 9 della l.r. n. 11/2013, riconosciute dalla Regione del Veneto e dotate del relativo Piano Strategico di Destinazione, sia stata comunicata dalla stessa OGD via PEC alla Direzione Turismo prima della pubblicazione del bando sul BUR

Dotazione finanziaria
6.500.000 Euro

Presentazione domande
Apertura: 05 novembre  2020 ore 10.00
Chiusura: 25 febbraio 2021 ore 17.00

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL’ACQUISTO DI SERVIZI PER L’INNOVAZIONE DA PARTE DELLE PMI

POR FESR 2014-2020  – Asse 1

Azione 1.1.2 – Sostegno per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle imprese.

DGR n. 1966 del 23/12/2019

Link al bando 

Contatti e informazioni
AVEPA — Area Gestione FESR
Via Niccolò Tommaseo n. 67/C
35131 Padova (PD)
tel 049 7708711
email gestione.fesr@avepa.it

Chi sono i beneficiari
Micro, Piccole e Medie Imprese (PMI)

Dotazione finanziaria: 3.000.000 Euro (stanziamento di euro 1.000.000 per ciascun sportello)

Scadenze

[Voti: 0   Media: 0/5]

NEXT GENERATION EU

1 Giugno 2020 | Posted in Formazione e Lavoro, Giovani, Imprese, Notizie, Opportunità, Senza categoria

Nei 70 anni trascorsi dalla dichiarazione Schuman, le crisi e le sfide non sono state estranee all’Europa. Sotto molti punti di vista, da sempre il motto dell’Europa non è stato soltanto ,«uniti nella diversità» ma anche «uniti nell’avversità». E oggi, in questo periodo di avversità, e in risposta a questa crisi l’Europa ha più che mai bisogno di unità, determinazione e ambizione. Ed è in questo spirito che la Commissione sta lavorando a un piano ambizioso di rilancio per l’Europa.

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea al Parlamento Europeo

L’EUROPA DOPO IL COVID: IL PACCHETTO PER LA RIPRESA

Il 13 Maggio la presidente della Commissione europea, Ursula Von Der Leyen, ha tenuto un importante discorso alla plenaria del Parlamento Europeo. Per la prima volta, la Presidente ha anticipato il c.d. Recovery Plan, ovvero il fondo “a breve termine” della Commissione per il prossimo futuro, pensato appositamente per i primi anni della ripresa economica (probabilmente 2021-2022).

Il Pacchetto per la ripresa, che fa parte del pacchetto anti-crisi della Commissione Europea, partirà da un aumento del cosiddetto ‘headroom’, un margine di manovra che fissa l’importo massimo di denaro che la Commissione può prendere in prestito sui mercati attraverso la garanzia degli Stati membri. Il denaro non sarà separato dal bilancio dell’UE, infatti la Commissione vuole ancorare il fondo al prossimo bilancio pluriennale dell’UE (2021-2027), permettendo in questo modo al Parlamento Europeo di svolgere il suo ruolo e quindi, non sottraendo il pacchetto di ripresa al minuzioso esame democratico dell’Istituzione.

Il pacchetto prevede sia prestiti che ‘sovvenzioni’ a fondo perduto agli Stati, questo è di particolare rilievo in quanto non tutti gli Stati potranno permettersi di aumentare il proprio debito in modo considerevole.

Questa risposta integrerà le altre tre importanti “reti di sicurezza” del pacchetto anticrisi approvati dal Consiglio europeo lo scorso 23 aprile, comprendente il programma SURE, contro la disoccupazione; i finanziamenti della Banca europea per gli investimenti (che ha predisposto un investimento di altri 20 miliardi nelle Pmi) e il ricorso, volontario, al Meccanismo europeo di stabilità per le spese sanitarie dirette o indirette.

NEXT GENERATION EU

In seguito, il 27 maggio la Commissione ha proposto ufficialmente lo strumento per la ripresa, Next Generation EU, incorporato nel bilancio dell’UE a lungo termine.

Next Generation EU prevede che i fondi vengano incanalati su tre pilastri:

SOSTEGNO AGLI STATI MEMBRI PER INVESTIMENTI E RIFORME

Il primo pilastro prevede un nuovo strumento di resilienza e recupero da 560 miliardi di € destinato a sostenere gli Stati membri perché possano riprendersi e uscire ancora più forti dalla crisi. Questo offrirà sostegno finanziario per investimenti e riforme e andrà a sostenere le parti dell’Unione che sono state maggiormente colpite dal Virus. Il dispositivo avrà una capacità di sovvenzionamento che potrà arrivare a 310 miliardi di € e sarà in grado di mettere a disposizione prestiti fino a un massimo di 250 miliardi di €.

In questo contesto si prevede una dotazione integrativa per la coesione: nel breve periodo (da qui al 2022) gli attuali programmi della politica di coesione (es. FESR e FSE) potranno contare su 55 miliardi aggiuntivi , attraverso la nuova iniziativa REACT-EU. Questa ha l’obiettivo di facilitare l’uscita dall’emergenza e anche rendere le economie degli Stati membri più resilienti e sostenibili. La Commissione, nell’ambito di questo pilastro, ha anche proposto di potenziare il Fondo per una transizione giusta, al fine di aiutare gli Stati membri ad accelerare l’approdo alla neutralità climatica, e di rinforzare di 15 miliardi di € per il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, per aiutare le zone rurali a introdurre i cambiamenti strutturali richiesti dal Green Deal Europeo per il clima.

RILANCIARE L’ECONOMIA DELL’UE INCENTIVANDO L’INVESTIMENTO PRIVATO

Il secondo pilastro è volto a rilanciare l’economia e aiutare gli investimenti privati a rimettersi in marcia. In particolare la Commissione punta agli investimenti su tecnologia, mercato unico digitale ed energia verde. La Commissione vuole agire in primo luogo attraverso un nuovo strumento di sostegno alla solvibilità , che contribuirà a far fronte alle esigenze di ricapitalizzazione delle imprese europee economicamente sostenibili, e che operano nei settori, nelle regioni e nei paesi più colpiti, che sono state esposte a rischi a seguito del blocco di tutte le attività. Lo strumento, in grado di essere operativo fin dal 2020, avrà in dotazione 31 miliardi di € Il programma di investimenti InvestEU sarà potenziato al fine di mobilitare investimenti privati in progetti in tutta l’Unione. Sotto l’ombrello di InvestEU, inoltre, verrà introdotto per la prima volta, un nuovo meccanismo per gli investimenti strategici, in modo tale che l’UE riesca a produrre beni, ora delocalizzati fuori dall’Europa (es. Farmaci), in modo da aumentare la propria autonomia strategica futura. Questo genererà una serie di investimenti per un importo fino a 150 miliardi di € nel miglioramento della resilienza dei settori strategici, specie quelli collegati alla transizione verde e digitale, e nelle catene fondamentali del valore nel mercato interno.

TRARRE INSEGNAMENTO DALLA CRISI

Con il terzo pilastro la Commissione vuole che l’Europa apprenda gli insegnamenti più immediati della crisi. Questo avverrà in primo luogo rafforzando i programmi che hanno dimostrato la loro utilità durante la crisi, quali RescEU (il meccanismo di Protezione Civile dell’UE), con un potenziamento di 2 miliardi di €, il programma Horizon, che finanzia la ricerca e che riceverà 94,4 miliardi di €. In secondo luogo verrà creato un programma dedicato specificamente alla salute EU4Health, con una dotazione di 9,4 miliardi di €, che potenzierà la sicurezza sanitaria e permetterà di prepararsi alle crisi sanitarie del futuro.

L’UE inoltre potenzierà la sua azione esterna, assegnandovi una dotazione supplementare di 16,5 miliardi di €, che aiuterà i suoi partner nel mondo, assistenza umanitaria compresa.

UNO SGUARDO AL FUTURO

Con NextGenerationEU la Commissione non punta solamente a riparare i danni a breve termine causati dalla crisi, ma anche ad investire anche nel nostro futuro a lungo termine. Per questo le risorse finanziarie reperite tramite Next Generation EU convoglieranno verso i programmi dell’Unione nel rinnovato bilancio a lungo termine dell’UE.

In particolare, i fondamenti politici della ripresa si concentrano su
1. Green deal Europeo, che punta al potenziamento di energie rinnovabili, economia circolare trasporti più “puliti, non dimenticando però il sostegno alla riconversione professionale, così da aiutare le imprese a creare nuove possibilità economiche.

2. Rafforzamento del mercato unico adattandolo all’era digitale, che vuole investire in una maggiore connettività, potenziando nel mentre la cyberresilienza e la cybersicurezza, e che vuole costruire un’autentica economia basata sui dati.

3. Una ripresa equa ed inclusiva per tutti, che vuole aiutare il lavoratori attraverso il regime europeo a breve termine di riassicurazione dell’indennità di disoccupazione (SURE) e garantendo salari minimi equi e misure vincolanti di trasparenza delle retribuzioni.

Fonte : ec.europa.eu

[Voti: 0   Media: 0/5]

#Finanziamenti per le imprese

29 Gennaio 2020 | Posted in Finanziamenti indiretti, Giovani, Imprese, Notizie, Opportunità

Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, detto sinteticamente FESR, è uno dei Fondi strutturali e di investimento europei il cui obiettivo è quello di finanziare progetti di sviluppo all’interno dell’Unione europea. Il POR FESR è gestito dalla Regione Veneto.

BANDI APERTI

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL’ACQUISTO DI SERVIZI PER L’INNOVAZIONE DA PARTE DELLE PMI

POR FESR 2014-2020  – Asse 1Azione 1.1.2 – Sostegno per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle imprese.

Chi sono i beneficiari
Micro, Piccole e Medie Imprese (PMI)

Dotazione finanziaria: 3.000.000 Euro (stanziamento di euro 1.000.000 per ciascun sportello)

Link al bando 

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL’ACQUISTO DI SERVIZI PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DA PARTE DELLE PMI.

POR FESR 2014-2020  – Asse 3 Azione 3.4.2. – Bando per il sostegno all’acquisto di servizi per l’internazionalizzazione da parte delle PMI

Chi sono i beneficiari: Micro, piccole e medie imprese (PMI); Consorzi con attività esterna, società consortili,società cooperative, contratti di «rete soggetto».

Dotazione finanziaria
3.000.000 euro

Link al bando 

BANDO PER IL SOSTEGNO A PROGETTI DI PROMOZIONE DELL’EXPORT SVILUPPATI DA DISTRETTI INDUSTRIALI, RETI INNOVATIVE REGIONALI E AGGREGAZIONI DI IMPRESE.

POR FESR 2014-2020  – Asse 3Azione 3.4.1. – “Progetti di promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale”. 

Chi sono i beneficiari
Almeno 3 PMI, facenti parte di un Distretto Industriale, di una Rete Innovativa regionale, o riunite in Aggregazione di Imprese

Dotazione finanziaria
Lo stanziamento complessivamente previsto per il sostegno dei progetti è di euro 10.000.000, di cui euro 4.000.000 dedicati ai progetti che si riferiscono ai distretti industriali e alle reti innovative regionali ed euro 6.000.000 ai progetti presentati da aggregazioni di imprese.

Link al bando 

[Voti: 1   Media: 5/5]

Opportunità – Corpo Europeo Di Solidarietà

6 Novembre 2019 | Posted in Giovani, Notizie, Opportunità

Corpo Europeo di Solidarietà in Georgia sull’integrazione sociale dei giovani e la promozione dei diritti umani

L’associazione Eurobox è alla ricerca di un volontario/a interessato a partire per un progetto del Corpo Europeo di Solidarietà in Georgia sull’integrazione sociale dei giovani e la promozione dei diritti umani.

Durata: 9 mesi

Dove: Tbilisi, Georgia

Destinatari: 1 volontario 18-30 anni

Quando: dal novembre (date flessibili) al 1°luglio 2020

Per maggiori informazioni visita il sito di Scambieuropei

Corpo Europeo di Solidarietà a Pamplona a carattere socio-educativo in un centro di riabilitazione da dipendenze

L’ associazione di accoglienza Fundación Hombre Navarra (FPHN), un’organizzazione senza scopo di lucro spagnola, cerca un volontario per un ESC a Pamplona a carattere socio-educativo in un centro di riabilitazione da dipendenze.

Durata: 12 mesi

Dove: Pamplona, Spagna

Quando:

I Flusso: tra gennaio e febbraio 2020

II Flusso: Aprile 20120

Per maggiori informazioni visita il sito di Scambieurope

[Voti: 0   Media: 0/5]