26 Novembre 2020 | Posted in Diritti Fondamentali, Notizie

La pandemia di Covid-19 (“coronavirus”) è stata accompagnata da un'”infodemia” senza precedenti. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), una pletora di informazioni sul virus , spesso false o imprecise e diffuse rapidamente tramite i social media, può generare confusione e sfiducia e compromettere l’efficacia della risposta della
sanità pubblica.
Questa “infodemia” fa leva sulle nostre paure ataviche. Il confinamento ha costretto a casa milioni di persone e aumentato l’uso dei social media, anche come mezzo di accesso all’informazione. Al tempo stesso le piattaforme online, i verificatori di fatti e gli utenti dei social media segnalano milioni di pubblicazioni false o fuorvianti. Viste le incognite del nuovo virus, le lacune nelle conoscenze sono diventate terreno fertile per la proliferazione di narrazioni false o fuorvianti.

Commissione Europea -COMUNICAZIONE CONGIUNTA AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI – Contrastare la disinformazione sulla Covid-19 – Guardare ai fatti
DI COSA SI PARLA QUANDO SI PARLA DI “INFODEMIA“?

L’espressione “infodemia” è la traduzione italiana di “infodemic“, termine inglese composto di “info(rmation)” (informazione) e “(epi)demic” (epidemia). Secondo l’enciclopedia Treccani, “il termine inglese infodemic è una parola d’autore, coniata da David J. Rothkopf, il quale ne ha trattato in un articolo comparso nel quotidiano «Washington Post», When the Buzz Bites Back (11 maggio 2003)”. 

Il termine è stato utilizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), secondo la quale “costituisce infodemia un eccesso di informazioni su un problema che rende difficile individuare una soluzione. Durante un’emergenza sanitaria può contribuire alla diffusione di informazioni false, fuorvianti e non confermate. L’infodemia può ostacolare l’efficacia della risposta della sanità pubblica e generare confusione e sfiducia tra le persone.”

Per gestire l’infodemia, l’OMS ha sviluppato un’iniziativa di comunicazione innovativa chiamata WHO’s Information Network for Epidemics: EPI–WIN (Rete di informazione dell’OMS per le epidemie). Durante le emergenze, infatti, la richiesta di informazioni è molto elevata, spesso ci sono molte incognite ed è molto probabile che le persone ricerchino
informazioni provenienti da fonti, individui ed entità di cui si fidano. L’OMS, attraverso EPI-WIN, ha identificato una serie di fonti attendibili e le ha “utilizzate” non solo come moltiplicatori di informazioni accurate e tempestive, ma anche come consulenti sul tipo di informazioni di cui i loro lettori hanno bisogno e che vogliono urgentemente vedere.

COME STA AFFRONTANDO L’UE L’INFODEMIA DOVUTA AL CORONAVIRUS?

La pandemia di coronavirus è stata accompagnata da un’ondata massiccia di informazioni false e fuorvianti, tentativi da parte di soggetti estranei di influenzare i dibattiti interni nell’UE sfruttando il terreno fertile costituito dalle ansie più ataviche dei cittadini e il rapido susseguirsi delle notizie. Le istituzioni dell’UE, quindi, si sono adoperate per sensibilizzare in merito ai pericoli della disinformazione e hanno promosso l’uso di fonti autorevoli.

La Commissione in particolare ha agito su più fronti:

  • Comunicazione: in primis è necessario che le persone possano avere accesso alle informazioni sanitarie verificabili e autorevoli. Per questo la Commissione ha creato un sito web relativo alla risposta al coronavirus che fornisce informazioni serie precise e in tempo reale sul virus e sulle azioni dell’UE. Sulla piattaforma è presente anche una sezione specificamente dedicata alla disinformazione che confuta regolarmente, in tutte le lingue dell’UE, i miti più diffusi sul coronavirus.
  • Cooperazione : verrà creata una sezione speciale sul Coronavirus sul RAS. Il sistema di allarme rapido (RAS) è infatti già un elemento fondante dell’approccio globale dell’UE alla lotta alla disinformazione ed è uno dei quattro pilastri del piano d’azione contro la disinformazione approvato dal Consiglio europeo nel dicembre 2018. Il sistema di allarme rapido, che si basa su informazioni open-source fonti accademiche, fact-checkers (c.d. verificatori di fatti), piattaforme online e partner internazionali, vuole agevolare la condivisione dei dati e delle valutazioni delle campagne di disinformazione e segnalare minacce di disinformazione in tempo reale.
  • Collaborazione con le piattaforme online: Nell’aprile 2018 la Commissione ha delineato un approccio europeo e meccanismi di autoregolamentazione intesi a contrastare la disinformazione online, tra cui un codice di buone pratiche dell’UE sul tema della disinformazione. Tale codice è stato firmato da molte piattaforme quali, tra l’altro, Facebook, Google, Twitter, Mozilla, Microsoft, TikTok, dall’associazione di categoria che rappresenta le piattaforme online e dalle associazioni che rappresentano l’industria della pubblicità e gli inserzionisti. L’UE ha incoraggiato le piattaforme online a contribuire alla lotta contro le notizie false (fake news) e altri tentativi di cattiva informazione rimuovendo i contenuti illegali o falsi. Cò si è tradotto, tra l’altro, dall’inizio della pandemia, nella sospensione di più di 3,4 milioni di account di Twitter sospetti riguardanti il dibattito sul coronavirus.
  • Garanzia di libertà di espressione e pluralismo del dibattito democratico: L’azione dell’UE si basa sul rispetto dei diritti fondamentali, di conseguenza anche gli interventi sulla lotta alla disinformazione non sono mai un pretesto per minare la libertà di espressione, ridurre la responsabilità delle autorità pubbliche o limitare indebitamente l’accesso alle informazioni e la trasparenza.
COSA POSSO FARE IO PER COMBATTERE LA DISINFORMAZIONE?

Ognuno di noi può portare avanti la lotta alla disinformazione con piccoli gesti quotidiani: 1. seguire i consigli delle autorità sanitarie pubbliche italiane e i siti web delle organizzazioni internazionali e dell’UE pertinenti (l’ECDC e l’OMS); 2. controllare il sito della Commissione Europea relativo alla disnformazione sempre aggiornato con le ultime fake news ; 3. evitare di condividere, sui social e su whatsapp, informazioni non verificate provenienti da fonti di dubbia attendibilità.

Fonti: Europa.eu ; Treccani ; Infodemia secondo l’OMS ;

[Voti: 0   Media: 0/5]

Be the first to comment.

Leave a Reply


You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.