8 Ottobre 2020 | Posted in Diritti Fondamentali, Notizie

“Negli ultimi mesi abbiamo riscoperto il valore di ciò che ci accomuna. Come individui abbiamo tutti sacrificato parte della nostra libertà personale per la sicurezza degli altri. Come Unione abbiamo tutti condiviso parte della nostra sovranità per il bene comune. Le paure e le divisioni tra gli Stati membri hanno ceduto il posto alla fiducia nella nostra Unione. Abbiamo dimostrato cosa si può realizzare se ci fidiamo gli uni degli altri, se ci fidiamo delle nostre istituzioni europee. Scegliamo così non solo di riparare e recuperare l’esistente, ma di plasmare un modo migliore di vivere il mondo di domani.”

Ursula Von Der Leyen, Presidente Commissione Europea

IL DISCORSO SULLO STATO DELL’UNIONE: COS’È?

Il discorso annuale sullo stato dell’Unione, istituito dal Trattato di Lisbona, è il discorso principale del presidente della Commissione Europea al Parlamento Europeo durante la sessione plenaria del mese di settembre. Il discorso sullo Stato dell’Unione, seguito poi da un dibattito, è un’occasione fondamentale in cui viene in cui il Presidente fa il punto della situazione per l’anno appena trascorso e presenta le priorità per l’anno successivo. Il Presidente illustra inoltre in che modo la Commissione affronterà le sfide più urgenti per l’Unione europea e presenta le idee per plasmare il futuro dell’UE.

DISCORSO SULLO STATO DELL’UNIONE 2020

Il 16 settembre 2020 la presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen ha pronunciato il Discorso sullo Stato dell’Unione 2020 (#SOTEU2020), in cui ha indicato i risultati raggiunti durante il 2020 e ha illustrato le priorità e le sfide che l’Unione europea dovrà affrontare il prossimo anno.
Nel suo primo SOTEU la Presidente ha portato avanti la sua visione dell’Unione Europea, che deve emergere più forte dalla pandemia e assumere un ruolo centrale e vitale a livello internazionale.
La Presidente infatti ha sottolineato come questa sia l’occasione per far si che i cambiamenti in Europa “siano dettati da progettualità – e non da una calamità o dal volere di altri paesi”. Di conseguenza si pone al centro dell’azione dell’UE il piano NextGenerationEU che interverrà per sostenere la ripresa degli Stati Membri, per rilanciare l’economia e sostenere gli investimenti privati e per trarre insegnamento dalla crisi; il piano quindi non ha solo l’obbiettivo di uscire dalla crisi, ma anche di raggiungere la trasformazione verde e digitale.

I Punti salienti del discorso sono i seguenti:

La risposta al coronavirus e la protezione della salute europea nel futuro

La Presidente ha affermato la necessità di creare un’unione sanitaria europea più forte, traendo insegnamento da quanto emerso negli ultimi mesi, rafforzando la preparazione dell’Unione e gestione delle gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero, che siano di origine naturale o provocate dall’uomo.

La Presidente vuole adempiere a tali obiettivi con i mezzi seguenti:

  • si vuole adeguare il Programma EU4Health alle esigenze future e finanziarlo debitamente;
  • si vuole rafforzare e potenziare l’Agenzia europea per i medicinali (EMA);
  • si vuole rafforzare e potenziare il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC);
  • si vuole istituire BARDA, un’agenzia biomedica di ricerca e sviluppo avanzati europea sullo stile di quella statunitense.
Un’Unione che protegge

La Presidente Von der Leyen ha sottolineato l’importanza di rafforzare l’economia sociale di mercato europea e di proteggere i lavoratori e le imprese dagli shock esterni, promettendo di proporre un quadro giuridico per fissare dei salari minimi e proprio per questo motivo la Commissione ha varato il programma SURE, ovvero il sistema di cassa integrazione europea.
La Presidente inoltre, sottolineando come nell’UE la dignità del lavoro sia intoccabile, ha annunciato che la Commissione presenterà una proposta legislativa per sostenere gli Stati membri nella creazione di un quadro per il salario minimo. Tutti devono poter accedere a salari minimi, che sia attraverso contratti collettivi o salari minimi legali, naturalmente nel pieno rispetto di competenze e tradizioni nazionali.

Green Deal europeo: ridurre le emissioni di almeno il 55 % entro il 2030

La Presidente ha dichiarato che la Commissione europea si propone di incrementare l’obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 dal 40 % ad almeno il 55 %. Ciò metterà l’UE sulla buona strada per conseguire la neutralità climatica entro il 2050 e per rispettare gli obblighi derivanti dall’accordo di Parigi. Il meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera contribuirà a garantire che altri seguano l’esempio europeo.
La Presidente inoltre ha annunciato sia che il 30% dei 750 miliardi di euro del budget dell’iniziativa NextGenerationEU sarà raccolto attraverso obbligazioni verdi, sia che NextGenerationEU dovrebbe investire nei progetti faro europei di maggiore impatto: idrogeno, ristrutturazioni e un milione di punti di ricarica per veicoli elettrici.
La Presidente ha sottolineato come questo non sia solo un progetto ambientale o economico ma deve essere anche un progetto culturale europeo. Lei ha parlato di una nuova “Bauhaus europea”, vale a dire una piattaforma di co-creazione per architetti, ingegneri e progettisti, per lanciare lo stile architettonico dei nostri tempi, che rispecchi le nostre aspirazioni di rendere l’Europa il primo continente climaticamente neutro.

Il decennio digitale europeo

La Presidente ha sottolineato il bisogno di un piano comune per l’Europa digitale con obiettivi chiaramente definiti per il 2030 in ambiti come la connettività, le competenze e i servizi pubblici digitali, seguendo principi chiari, quali: il diritto alla privacy e alla connettività, la libertà di espressione, la libera circolazione dei dati e la cibersicurezza. È infatti necessario che sia l’Europa a guidare il processo di digitalizzazione, altrimenti sarà costretta a seguire la strada tracciata da altri, che fisseranno gli standard per noi.

Un’Unione vitale in un mondo fragile

La Presidente ha sottolineato come la pandemia abbia evidenziato la fragilità del sistema globale e l’importanza della cooperazione per affrontare le sfide collettive.
L’obiettivo dell’Unione ora è quello di rilanciare e riformare il sistema multilaterale, che comprende le Nazioni Unite, l’OMC e l’OMS. Si è impegnata affinché la Commissione europea presenti una “legge Magnitsky” europea, esortando gli Stati membri ad adottare il voto a maggioranza qualificata sulle relazioni esterne “almeno per quanto riguarda l’applicazione delle sanzioni relative ai diritti umani”.

Un nuovo Patto sulla migrazione

La Commissione presenterà il Nuovo Patto sulle Migrazioni, con un approccio basato sull’umanità sulla solidarietà e una “distinzione tra coloro che hanno il diritto di rimanere e coloro che questo diritto non ce l’hanno”. La Presidente ha affermato che la migrazione è una sfida europea e tutta l’Europa deve impegnarsi e fare la sua parte.

Lotta contro il razzismo, i crimini d’odio e la discriminazione

La Presidente von der Leyen ha annunciato che la Commissione presenterà un piano d’azione europeo contro il razzismo, rafforzerà le leggi sull’uguaglianza razziale ed estenderà l’elenco dei reati a livello europeo a tutte le forme di crimini d’odio e di incitamento all’odio, siano essi basati su razza, religione, genere o sessualità. La Commissione nominerà inoltre il suo primo coordinatore antirazzismo in assoluto. La Commissione nominerà inoltre il suo primo coordinatore antirazzismo e presenterà una strategia per rafforzare i diritti delle persone LGBTQI.

Il discorso della Presidente von der Leyen è stato accompagnato da una “lettera di intenti”. Tale lettera è indirizzata al Presidente del Parlamento europeo David Sassoli e alla Cancelliera tedesca Angela Merkel, attuale Presidente di turno del Consiglio e riporta un elenco delle iniziative che la Commissione europea intende portare avanti nel corso del prossimo anno, al fine di conseguire gli obiettivi indicati nel discorso

Per leggere il discorso sullo stato dell’Unione: Stato dell’Unione 2020

[Voti: 0   Media: 0/5]