Nuova agenda per il Mediterraneo

16 Febbraio 2021 | Posted in Diritti Fondamentali, Giovani, Notizie

Dichiarazione di Barcellona – 1995

Venticinque anni fa l’Unione Europea e i partner del Mediterraneo meridionale si sono impegnati a trasformare il bacino del Mediterraneo in uno spazio di dialogo, scambio e cooperazione, garantendo pace, stabilità e prosperità. Nel 1995, infatti, la Dichiarazione di Barcellona ha varato il partenariato euromediterraneo.

Dall’avvio di tale processo, vari accordi di associazione sono stati conclusi dall’UE con altri paesi mediterranei quali Algeria, Egitto, Giordania, Israele, Libano, Marocco, Palestina e Tunisia. Questi accordi hanno promosso la cooperazione culturale, commerciale e sociale e hanno incoraggiato il dialogo politico nella regione.

È quindi evidente come un partenariato mediterraneo sia un imperativo strategico per l’Unione europea. Le sfide che la regione ha affrontato e continua ad affrontare, relative a la governance, contesto socioeconomico, ambiente e sicurezza, richiedono una risposta comune, soprattutto dieci anni dopo la primavera araba. Per questo, la nuova Agenda per il Mediterraneo propone di rilanciare il partenariato euromediterraneo e di liberare il potenziale della regione.

2021 – Nuova Agenda per il Mediterraneo

Per affrontare queste sfide dobbiamo rinnovare i nostri sforzi reciproci e agire in stretta collaborazione, come partner, nell’interesse di noi tutti. Questo è il significato della nuova Agenda. Siamo risoluti a lavorare insieme ai nostri partner del vicinato meridionale nell’ambito di una nuova Agenda che sarà incentrata sulle persone, soprattutto sulle donne e sui giovani, e ad aiutarli a realizzare le proprie speranze per il futuro, a far valere i propri diritti e a costruire un vicinato meridionale pacifico, sicuro, più democratico, più rispettoso dell’ambiente, prospero ed inclusivo.

L’Alto rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell

La nuova Agenda guiderà la cooperazione bilaterale, regionale e interregionale dell’Unione europea nell’ambito nuovo Strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale dell’UE (NDICI). Per il periodo 2021-2027, la Commissione Europea propone di mobilitare fino a 7 miliardi di EUR nell’ambito del NDICI – comprese le garanzie del Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile, importo che potrebbe mobilitare fino a 30 miliardi di € di investimenti privati e pubblici nella regione nei prossimi dieci anni.

La nuova Agenda si incentra su 5 settori d’intervento:

  • Sviluppo umano, buongoverno e Stato di diritto – Rinnovare l’impegno comune a favore della democrazia, dello Stato di diritto, dei diritti umani e della governance responsabile, dando spazio e potere ai giovani e alla società civile e promuovendo la parità di genere.
  • Resilienza, prosperità e transizione digitale – Sostenere economie resilienti, inclusive e connesse che creino opportunità per tutti, specialmente per le donne e per i giovani.
  • Pace e sicurezza – Fornire sostegno ai paesi per affrontare le sfide in materia di sicurezza e trovare soluzioni ai conflitti in corso, intensificando la cooperazione per contrastare le minacce terroristiche, informatiche e la criminalità organizzata.
  • Migrazione e mobilità – Affrontare insieme le sfide degli sfollamenti forzati e della migrazione irregolare e agevolare percorsi legali e sicuri per la migrazione e la mobilità
  • Transizione verde: resilienza climatica, energia e ambiente – Proteggere le risorse naturali della regione e generare crescita verde sfruttando le potenzialità di un futuro a basse emissioni di carbonio.

Fonti e approfondimenti : Notizie Commissione ; Comunicato stampa ; Factsheet

[Voti: 0   Media: 0/5]